Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte marcotosatti.com 14/09/2019

Autore Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, Super Ex (Ex di Avvenire, ex di Movimento per la Vita e di altra roba cattolica) ci ha scritto una riflessione accorata dopo l’annuncio, ieri da parte del Vaticano di un evento che si terrà nel maggio prossimo. Sotto l’insegna del Nuovo Umanesimo. E della Solidarietà universale. Della Fratellanza non si parlava, ma ormai questa appare implicita, dopo il documento di Abi Dhabi. Come non fare le stesse riflessione, tirare le stesse tristi conclusioni di Super Ex? Ormai è molto difficile non vedere, per chi ha occhi e non capire per chi ha orecchie. L’unico, grande straordinario stupore è che tacciano vescovi e cardinali. Ma come mi diceva ieri un anziano presbitero, che di parlare non teme, e l’ha fatto più volte: “Ma dovranno rendere conto…”. Forse alcuni di loro non ci credono più.

***

“Serve un patto educativo globale che ci educhi alla solidarietà universale, a un nuovo umanesimo” : con queste parole Bergoglio ha lanciato un nuovo evento per il 14 maggio 2020 .

Verrebbe da chiedersi: ma copia Conte? No, sappiamo che è vero il contrario.

Ma non è questo il punto. Il fatto importante sta qui: si avverano le “profezie” di Robert Benson, Fulton Sheen, Solovev, Giacomo Biffi eccetera, e cioè che l’Anticristo sarà un grande umanista.

Perché queste profezie, in verità neppure tanto “difficili”? Perché Ottocento e Novecento sono stati i secoli in cui si è voluto costruire un “mondo nuovo”, un “uomo nuovo”, tramite le ideologie politiche, apertamente anticristiane.

Comunismo in primis, ma anche nazismo, scientismo, progressismo, umanesimo alla August Comte ecc… per non parlare della massoneria, avevano un solo scopo: non il regnum Dei ma il regnum hominis.

L’uomo auto-redento! L’umanesimo senza l’Uomo-Dio.

E’ andata come è andata, ma il Maligno non molla. E quale può essere il suo “colpo da maestro”?

Quello di provare a raggiungere lo stesso risultato, ma non più contro la Chiesa, baluardo inespugnabile, ma attraverso i Giuda nella Chiesa.

Eccolo qua il progetto bergogliano: un regnum hominis, di amore, di solidarietà universale, tutti insieme… senza Cristo, senza sacramenti, senza grazia!

Cristo è la pietra d’inciampo, il “segno di contraddizione”, mettiamolo da parte. Incontriamoci in quanto uomini, senza più “divisioni”. Sì, un pontefice, erede di quel Cristo morto in croce, crede di poter costruire la pace universale a tavolino, con tutti, senza Gesù. Acclamato e osannato da giornali e governi amici. Ridendo degli scismi all’orizzonte…

Con Cristo – che non ha mai promesso la pace assoluta né la solidarietà universale, se non in Cielo-, vanno abbattuti coloro che ancora distinguono Bene e Male: le “scuole di rigidità” (cioè chi crede ancora al peccato, alla grazia), gli ordini religiosi tradizionali, gli Istituti in cui si insegna la morale cattolica… e bisogna aprire le porte al mondo: agli Lgbt, ai partiti progressisti e comunisti, da sempre impegnati su questo terreno, all’ambientalismo pagano, ingrediente sia dei culti precristiani che del tenebroso nazismo, all’Islam…

Chi ha capito questo, a mio giudizio, non può non mobilitarsi. Forse per un gioco della Provvidenza, il giorno 5 ottobre non ci sarà solo un concistoro, ma anche due eventi importantissimi.

Il primo è la recita pubblica del rosario, alle ore 14.30, in largo Giovanni XXIII: un gesto pubblico era necessario, dopo anni di articoli, convegni ecc… Segna un cambio di passo. Chiede uno sforzo!

 

Andate qui per vedere il manifesto e le informazioni. 

 

E la mattina? Consigliatissimo il convegno sul Sinodo sull’Amazzonia,

 

di cui trovate qui le informazioni.

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.