Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte opportuneimportune.blogspot.com 17/05/2019

 Autore Cesare Baronio

 
 
Al di là del fatto che si possa dimostrare che Bergoglio è eretico materiale o formale, o che abbia favorito l'eresia, il risultato è che la Chiesa stessa, come istituzione, è stata esposta dinanzi al mondo ad una gravissima umiliazione, sicché essa si trova oggi ad esser meno credibile ed autorevole, non solo rispetto alla contingenza momentanea, ma anche in tutto il suo millenario insegnamento. E  con essa il Papato, che questo Papa ha de facto screditato non solo discostandosi dall'insegnamento tradizionale (o quantomeno lasciando credere di volerlo fare) ma anche con il proprio comportamento poco ponderato, scomposto, impulsivo, sciatto e non di rado indegno anche semplicemente di un ecclesiastico. 
 
Questo Papa è innegabilmente colpevole di aver umiliato la più alta autorità morale e religiosa, abbassando ed involgarendo il Vicario di Cristo al livello di un contestatore rivoluzionario privo di spiritualità, di saggezza, di cultura, di educazione e di decoro. Quello che scandalizza non solo i Cattolici, ma anche tanti acattolici, è vedere l'abisso che separa la ieratica figura di Pio XII - universalmente rispettato e venerato - dalla scomposta e macchiettistica figura di Francesco. Il quale ha dato prova di voler pervicacemente demitizzare il Papato con gesti plateali che tutto sono fuorché spontanei: il vestiario, la postura, il linguaggio, le sortite a Borgo Pio per andarsi a comprare le scarpe dal calzolaio, il voler saldare il conto dell'hotel tirando fuori il portafoglio, l'ostentazione nel portare con sé la borsa sull'aereo. Tutti comportamenti palesemente artefatti, parte di una pièce innaturale in cui si esalta la figura dell'argentino e si umilia quella del Romano Pontefice. 
 
Il magistero di Bergoglio è un esempio di questa decostruzione del Papato: anche se non proferisse errori dottrinali, il suo atteggiamento disinvolto, la sua inclinazione all'improvvisazione, al parlare a braccio sarebbero sufficienti per dimostrare l'infimo concetto ch'egli ha circa il ruolo di Vicario di Cristo. Ché se davvero fosse consapevole della propria funzione, e comprendesse che essa non si esercita in maniera individualistica ma in coerenza e continuità con i Predecessori, non potrebbe comportarsi con tanta avventata impulsività, con quella indole all'improvvisazione teatrale che sconcerta l'interlocutore e pone i suoi collaboratori in grave imbarazzo, specialmente laddove le infrazioni al protocollo portano con sé una innegabile valenza simbolica.
 
E più che di decostruzione o di demitizzazione del Papato parlerei di vera e propria demolizione, perseguita con tetragona ostinazione fin nelle cose più insignificanti: dai pantaloni che sbucano sotto la talare alla repulsione per le vesti papali, dal linguaggio confidenziale ch'egli usa coi suoi amici invitati al desco di Santa Marta alla malcelata insofferenza verso tutto ciò che fa parte delle norme del vivere civile, dell'etichetta, del protocollo. Poiché è fin troppo evidente che Bergoglio non accetta di riconoscersi - in quanto Papa - vincolato e sottomesso non solo alla dottrina ed alla morale della Chiesa cui egli presiede, ma nemmeno alle più basilari regole della vita sociale, le quali ordinano gerarchicamente ruoli e funzioni tanto di chi è costituito in autorità quanto di chi di essa è suddito. Sembra infatti che Francesco non voglia accettare di dover conformare la sua persona al ruolo che ricopre, costringendo viceversa quel ruolo nei suoi imbarazzanti e scomposti personalismi. E si direbbe che in quest'opera di vandalizzazione della figura del Pontefice egli provi una soddisfazione ed un compiacimento impagabili. 
 
Questa prassi, va detto, fu peraltro inaugurata da Paolo VI, pur a livelli ben più alti, ma sempre in ispirito di rottura con i Predecessori, a partire dalla deposizione della tiara fino alla rinunzia al catafalco in occasione delle proprie esequie: gesti demagogici che svelavano un egocentrismo completamente opposto alla presunta umiltà delle intenzioni; e venne consolidata da Giovanni Paolo II, che lasciava spesso emergere la sua giovanile vocazione di attore con gesti all'epoca sconcertanti: ricordiamo tutti i suoi cappelli stravaganti, l'imitazione di Charlie Chaplin, il bacio del suolo all'atterraggio dell'aereo papale, il segno di Shiva ricevuto in fronte, le danze tribali durante le funzioni ecc. Ma quello che nel Papa polacco poteva suonare come un modo per mostrarsi umano, nel Papa argentino pare piuttosto finalizzato alla deliberata presa in giro, alla volontà di sconcertare e scandalizzare, ad un protagonismo distruttivo nel quale il Sommo Pontefice è messo in ridicolo proprio da colui che ne riveste il ruolo. Quasi ammiccando al mondo, anzi alla sua parte peggiore, a chi nel mondo vede nel Papato il baluardo da abbattere come indispensabile premessa per l'instaurazione del regno dell'Anticristo. Ed è importante notare che Bergoglio si pone non tanto come capo della Chiesa, ma come profeta del mondo, suo principale - se non unico - interlocutore nel prestare basi pseudo-dottrinali al mondialismo massonico, all'irenismo ecumenico, alle istanze degli ambientalisti. 
 
La stessa inconsistenza dottrinale del magistero di Bergoglio, la scandalosa rozzezza dell'eloquio, l'uso di un linguaggio colloquiale farcito di espressioni e figure retoriche poverissime avviliscono drammaticamente il contenuto degli insegnamenti papali, banalizzando con irriverenza i dogmi più santi, le verità più alte della Fede. Sentir parlare Bergoglio della Vergine o della Santissima Trinità lascia intuire non solo un'assoluta mancanza di spiritualità, ma anche un'indifferenza per il sacro, anzi direi quasi un'insofferenza per tutto ciò che in quanto sacro va trattato con rispetto e timore. Il che si traduce in una contagiosa abitudine alla banalizzazione che si propaga alla Gerarchia, al Clero e ai fedeli. Se il Papa non rimanesse ostinatamente in piedi dinanzi all'Augusto Sacramento, molti sacerdoti e moltissimi fedeli non sarebbero indotti a pensare che con quel gesto il Papa voglia comunicare qualcosa di diverso rispetto a ciò che tutti i suoi Predecessori hanno insegnato. D'altra parte, quando Benedetto XVI comunicava i fedeli in ginocchio e sulla lingua egli impartiva un chiaro segnale: per quale motivo non dovremmo cogliere un implicito messaggio, nel vedere il Papa genuflesso davanti ai maomettani ma non davanti al Santissimo? Fingere di non cogliere questa indole rivoluzionaria, limitandosi semplicemente all'analisi delle proposizioni più o meno eretiche di Bergoglio, dimostra anzitutto un errore di valutazione. Poiché un Giovanni XXII, nel negare la visione beatifica delle anime immediatamente dopo la loro morte, non parlava a braccio, non vestiva con sciatteria, non abitava in un hotel pranzando con gli amici e ridendo sguaiatamente. 
 
Occorre rendersi conto che la carica eversiva di questo Pontificato risiede non solo nel contenuto degli insegnamenti impartiti, ma in tutta una serie di atteggiamenti, di modi di essere e di porsi, di equivoci astutamente insinuati che ottiene un risultato ben più distruttivo che non sentire il Papa, in manto e tiara, che con chiarezza nega un dogma cattolico. In quel caso sarebbe relativamente semplice porre il Pontefice dinanzi alle proprie responsabilità, ed egli avrebbe probabilmente la lealtà di confrontarsi e rispondere ed argomentare. Ma con Bergoglio - come con tutti i modernisti - è non solo impossibile, ma anche inutile cercare chiarezza, dal momento che la cifra distintiva dell'eresia modernista è proprio la dissimulazione. Se il luterano impugna la Presenza Reale, il modernista sostiene di affermarla, ma con un altro significato che la snatura, usando termini vaghi ed imprecisi, rifiutandosi di ricorrere alla terminologia propria alla disputa teologica, cercando di insinuare l'errore senza mai formularlo chiaramente. 
 
Occorre tener presente che il danno maggiore di questo Pontificato non risiede solo nell'allontanamento dall'ortodossia, ma nell'aver irreparabilmente screditato il Papato agli occhi dei fedeli e del mondo, per i quali d'ora in poi qualsiasi cosa dica un Papa, verrà derisa o considerata al pari delle boutades di Bergoglio. Il quale, proprio dal Soglio più alto, è riuscito a cancellare la sacralità del Romano Pontefice, abbassandolo al livello del volgo. Un'opera in cui non erano riusciti nemmeno i più acerrimi nemici della Chiesa.
   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.