Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte cronicasdepapafrancisco.com 22/01/2019

«Fratelli miei, da dove vengono le guerre e le liti che sono in mezzo a voi? Non vengono forse dalle vostre passioni che fanno guerra nelle vostre membra? Siete pieni di desideri e non riuscite a possedere; uccidete, siete invidiosi e non riuscite a ottenere; combattete e fate guerra! Non avete perché non chiedete; chiedete e non ottenete perché chiedete male, per soddisfare cioè le vostre passioni. Gente infedele! Non sapete che l’amore per il mondo è nemico di Dio? Chi dunque vuole essere amico del mondo si rende nemico di Dio.» (Gc.4,1-10)

Cattolici? Rompete pure le righe, tanto il capo resto sempre “io

Abbiate la pazienza di seguire i fatti non fermatevi alla cover. E’ giunta la smobilitazione generale, per il vero cattolico: la fede ormai trattata come fosse ciarpame da soffitta; la Tradizione come vecchio museo; i Monasteri claustrali da modernizzare mandando le Monache ad un “aggiornamento, indottrinamento“, modernista naturalmente, vedi qui. E la conseguenza, ovviamente, è stato un vero effetto domino: il “niet” al proselitismo che, interpretato alla maniera protestante come tant’altro, ha innescato una reazione a catena.

 

  • No all’evangelizzazione, no alla libertà di culto (cattolico, ovvio), no alla religione cattolica a scuola, a meno che non venga a fare lezione ai cattolici una pastora battista, vedi qui. Senza soffermarci poi sui simboli del Natale, Gesù stesso trasformato in un simbolo e deposto non più in una Mangiatoia ma nelle discariche e dentro i secchioni della monnezza, tutto questo si badi bene nel nome e per amore dell’Uomo, ovviamente.

Siamo stati davvero SRADICATI – in questi ultimi cinque anni di strano Pontificato – così ci aiutano a riflettere sia Aldo Maria Valli quanto Aurelio Porfiri in un interessante scambio di vedute, vedete qui.

Potreste dirci che vogliamo vedere solo quello che ci fa comodo e tutto in chiave apocalittica, negativa…. Ebbene, mica tanto vero!

Fanno riflettere le parole di Aldo Maria Valli in un recente libro: “Dal punto di vista dell’immagine l’operazione è riuscita, perché Francesco effettivamente si è imposto sulla scena con uno stile nuovo, molto apprezzato dalla cultura dominante. Ma è stato pagato un prezzo: superficialità e demagogia nell’analisi dei fenomeni e dei problemi (migrazioni, ecologia, globalizzazione, Islam); ambiguità dottrinale (Amoris laetitia); cedimenti ingiustificati nel confronto con il luteranesimo;