Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte anonimidellacroceblog.wordpress.com 01/02/2018

Autore Fra Cristoforo

Se qualcuno avesse dei dubbi che è in corso un tentativo di demolire l’Eucaristia, oggi dovrà proprio ricredersi. Infatti sembra di assistere ogni giorno ad un bombardamento continuo da parte dei teologi della neochiesa, per sminuire, denigrare, profanare con la loro bocca il Sacramento del Santo Sacrificio di Cristo. A volte dalla rabbia mi viene anche da piangere. Questi personaggi, sono altamente sponsorizzati negli atenei della neochiesa, e vanno in giro a pronunciare eresie, ad inculcare mentalità perverse, nelle Parrocchie, nei convegni diocesani, nelle Facoltà di Teologia, nei Seminari.

Il teologo Andrea Grillo oggi sponsorizza un altro “neoteologo” francese demolitore dell’Eucaristia: Matthieu Rouillè d’Orfeuil; e ne fa la recensione di un suo libro dal titolo: “Lieu, presence, resurrection”. Grillo tesse gli elogi di questo neoteologo e nel suo articolo ne elabora il pensiero.

Leggete voi stessi cosa partorisce questa gente. Vi prego. Leggete con attenzione:

La questione successiva appare assai prevedibile : che cosa può cambiare del pane in corpo, del vino in sangue ? Esiste forse un fenomeno naturale, ordinario, che realizza ciò ? Così formulata, l’enigma diventa semplicissimo : ciò che cambia il pane in corpo ed il vino in sangue è ovviamente questo processo vitale che assimila i prodotti alimentari che mangio per farli – non soltanto “miei” – ma per farli “io”. Ciò che si chiama il “metabolismo” (cioè : ultra-cambiamento) può molto bene dirsi anche transustanziazione. Tutta la sostanza del pane che mangio è cambiata nella sostanza del mio corpo ; e tutta la sostanza del vino che bevo è cambiata nella sostanza del mio sangue. Parlare così sembra una astuzia ; ma bisogna chiedersi se tale linguaggio sia realmente tradizionale. Veramente i teologi hanno riflesso in questa direzione sull’eucaristia e su questa conversione stupefacente di sostanze ? – oppure è soltanto uno gioco sottile ma così innovativo da non poter pretendere di spiegare nulla della storia dell’eucaristia ? Lo sappiamo bene, l’eucaristia è, nella Chiesa, una realtà del tutto tradizionale : Paolo ci ha trasmesso ciò che lui aveva ricevuto (cf. 1Cor 11,23), ed occorre dunque in sommo grado collegare anche il pensiero eucaristico, il discorso eucaristico, la spiritualità eucaristica ad una continuità di interpretazioni, a rischio di vedere ridotta tutta la teologia del sacramento che costituisce (secondo la parola di Ireneo, IV, 18,5 ; cf. C.C.C. 1327) la norma della nostra dottrina, ad una pericolosa leggerezza. No, mio compito è illustrare tutte le conseguenze patristiche e scolastiche delle immagini e dei simboli. Vorrei tuttavia indicare alcune pietre miliari, descrivere così la logica di tale tradizione che parte dal metabolismo per arrivare alla transustanziazione” (l’articolo intero lo trovate qui http://www.cittadellaeditrice.com/munera/nuova-teologia-eucaristica-3-il-miracolo-e-la-parabola-m-rouille-dorfeuil/).

Avete capito la perversità di questo pensiero? Ma non è tutto. Leggete anche qui:

Sarebbe del tutto sbagliato pensare che Tommaso d’Aquino, quando parla di “transustanziazione”, si interessi soltanto ad una trasmutazione fisica di un genere assai strano, cioè il cambiamento di una briciola di pane, qui posta sulla patena, in un boccone di carne (cambiamento tanto più paradossale per il fatto che, visibilmente, nulla viene mai cambiato). Tommaso sapeva molto bene ché l’eucaristia non è un caso d’illusionismo, ma vita di un corpo. Sapeva che la transustanziazione è anzitutto la realtà vitale, intima, di una carne visibile e sensibile, e non un gioco di prestigio sacerdotale, per quanto possa essere pio”.

E’ gravissimo! Viene denigrato il Santo Sacrificio paragonandolo ad “illusionismo”, manipolando le parole e il pensiero di San Tommaso d’Aquino, attribuendogli cose che non si sarebbe mai neanche sognato di pensare.

Sono deviati. Sono perversi. Sono travisatori. Sono ERETICI! E la cosa grave è che oggi questi hanno campo libero dappertutto. E seminano il veleno della loro eresia n ogni dove, partendo dai Seminari fino all’ultima Parrocchia di questo mondo. Affinchè venga abolito definitivamente il Santo Sacroficio. Perchè questo è l’unico loro intento.

Dalla neochiesa viene ostacolato e perseguitato solo chi è fedele alla Verità. Prepariamoci alle catacombe.

 

Fra Cristoforo

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.