Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte chiesaepostconcilio.blogspot.it 22/11/2019

Nella nostra traduzione da  LifesSiteNews l'intervento reso pubblico in tedesco martedì 19 novembre su Kath.net, con il quale il vescovo Athanasius Schneider denuncia ancora una volta lo scandalo provocato dai nuovi simboli pagani nel culto della Pachamama in Vaticano. Mons. Schneider si è già pronunciato in ripetute occasioni: quiquiquiquiqui - qui - qui. Per chi vuole approfondire: indice degli articoli sul Sinodo amazzonico.


 
Il 4 ottobre 2019, nella festa di San Francesco d'Assisi, alla presenza di Papa Francesco e di altri alti dignitari ecclesiastici, si è svolta nei Giardini Vaticani una cerimonia di evidente carattere religioso, come indicato nel comunicato stampa della stessa data: Nel corso della cerimonia di preghiera, a conclusione dell’iniziativa il “Tempo del Creato” promossa di recente da Papa Francesco, è stato piantato un albero proveniente da Assisi come simbolo di un’ecologia integrale, per consacrare il Sinodo Amazzonico a San Francesco, nell’imminente ricorrenza dei 40 anni della proclamazione papale del Poverello di Assisi come patrono dei cultori dell’ecologia. Alla cerimonia odierna prendono parte i rappresentanti dei popoli indigeni dell’Amazzonia, che hanno danzato e cantato in cerchio nel verde dei giardini, accompagnati dai loro strumenti tradizionali. Alla fine della celebrazione, il Santo Padre ha recitato il Padre Nostro. Rappresentanti delle popolazioni indigene Alla cerimonia hanno partecipato Amazzonia, frati francescani e vari membri della Chiesa.
 
Ma questa affermazione nasconde il fatto che durante questa cerimonia di preghiera sono stati celebrati riti religiosi delle religioni pagane dei nativi americani. Gesti e parole hanno avuto luogo esprimendo il culto religioso di figure mitologiche della religione aborigena; Soprattutto, sono stati compiuti atti di prostrazione di fronte a due figure femminili incinte nude, che dovrebbero rappresentare la fertilità. Intorno a questa figure è stata eseguita anche una danza religiosa durante la quale una donna vestita da sciamano usava sonagli che simboleggiavano dei pagani della fertilità. L'uso di "maracas" o sonagli da parte dello sciamano nei culti indigeni dell'Amazzonia rappresenta la voce degli spiriti e serve a chiedere l'aiuto del potere degli animali e degli spiriti. Le maracas, per questi popoli, sono tra i più potenti strumenti magici. La testa della "maraca" è una zucca; la testa del sonaglio è l'unione della fecondazione del mondo maschile (manico) con il mondo femminile (testa). Proprio queste "maracas" sono state usate durante la "Cerimonia di preghiera" del 4 ottobre.
 
Le statue raffiguranti donne incinte nude sono state poi collocate, ancora alla presenza del Papa, nella Basilica di San Pietro di fronte alla Tomba Petrina e, per la durata del Sinodo amazzonico, nella Chiesa di Santa Maria in Traspontina in Via della Conciliazione. Nel corso delle preghiere regolarmente organizzate venivano venerate in una chiesa dove c'era un tabernacolo e la presenza eucaristica di Cristo. Inoltre, la statua della donna incinta nuda è stata persino portata in processione il 19 ottobre durante una Via Crucis organizzata dai partecipanti al Sinodo.
 
Nei primi giorni successivi a queste cerimonie, il Vaticano ha evitato di menzionare l'esatto significato delle due figure femminili nude in stato di gravidanza. Solo dopo che queste, il 21 ottobre, sono state rimosse dalla chiesa di Santa Maria in Traspontina e gettate nel Tevere, lo stesso papa Francesco, il 25 ottobre, ha dichiarato l'identità delle statuette rappresentando la Pachamama, in questi termini: "«... vi vorrei dire una parola sulle statue della pachamama che sono state tolte dalla chiesa nella Traspontina, che erano lì senza intenzioni idolatriche e sono state buttate al Tevere. Prima di tutto questo è successo a Roma e come vescovo della diocesi io chiedo perdono alle persone che sono state offese da questo gesto. Poi comunico che le statue, che hanno creato tanto clamore mediatico, sono state ritrovate nel Tevere. Le statue non sono danneggiate».
 
Il padre gesuita Fernando Lopez, uno degli organizzatori della venerazione delle statue di Pachamama, in Vaticano,  ha affermato che queste statue sono state acquistate in un mercato artigianale a Manaus, una città amazzonica brasiliana, aggiungendo che Pachamama ha un significato per tutti noi e che dobbiamo continuare "la danza della vita su Madre Terra".
 
Affermare che tutti questi atti di culto delle statue di Pachama, sistematicamente avvenuti durante una cerimonia di preghiera e nella chiesa, non sono né di culto né religiosi, ma costituiscono la semplice espressione di cultura e folklore, e dichiararli come innocui e insignificanti, nega i fatti e cerca di sfuggire alla realtà.
 
Di fronte alla grave realtà di tali discutibili atti di culto religioso, che sono evidentemente per lo meno vicini alla superstizione e all'idolatria, alcuni cardinali, vescovi, sacerdoti e molti laici hanno protestato pubblicamente, e alcuni addirittura ha invitato papa Francesco a pentirsi e fare ammenda. Sfortunatamente, queste voci coraggiose sono state criticate anche da buoni cattolici, considerandoli spesso come un attacco personale a papa Francesco. Tale ragionamento ricorda molto la storia dei nuovi vestiti dell'Imperatore. C'è poi chi considera innocuo il culto delle statue di Pachamama e paragona la questione a quella dei cosiddetti riti cinesi ( la "controversia sull'allineamento") nei secoli XVII e XVIII. Coloro che fanno tali affermazioni, mancano di conoscenze fattuali su ciò che la pachamama significa per i popoli indigeni e sulla propaganda mondiale odierna della nuova  « religione di Gaia o della Madre Terra » nonché di conoscenza sui riti cinesi e della loro soluzione nel 20° secolo.
 
Il fatto che il fenomeno "Pachamama" abbia una connotazione chiaramente religiosa è già definito in modo conclusivo nelle fonti di informazione generalmente accessibili e più consultate, come ad esempio su Wikipedia, che afferma: "Pachamama è una dea venerata dai popoli indigeni Andini. È anche conosciuta come la madre della terra e del tempo. Nella mitologia Inca, Pachamama è una dea della fertilità che presiede alla semina e al raccolto, incarna le montagne e provoca terremoti. È anche una divinità sempre presente e indipendente che ha il suo potere creativo e autosufficiente per sostenere la vita su questa terra. Pachamama di solito si traduce come Madre Terra, ma una traduzione più letterale sarebbe "Madre del mondo" (in Aymara e Quechua). Si può fare riferimento alla dea Inca in molti modi; il principale è Pachamama. Altri nomi per lei sono: Mama Pasha, Pachamama e Madre Terra. La Pachamama differisce da Pachamama perché "La" significa il collegamento intrecciato che unisce la dea alla natura, mentre Pachamama - senza il "La" - si riferisce solo alla dea. "
 
Chiunque sia interessato al movimento ambientalista globale ha senza dubbio sentito il termine Gaia. Gaia è una rinascita del paganesimo che rifiuta il cristianesimo, considera il cristianesimo come il suo più grande nemico e considera la fede cristiana come l'unico ostacolo per una religione mondiale che si focalizza sul culto di Gaia e sull'unificazione di tutte le forme di vita concentrato attorno alla dea "Madre Terra" o "Pachamama". Una sofisticata miscela di scienza, paganesimo, misticismo orientale e femminismo ha trasformato questa adorazione pagana in una crescente minaccia per la chiesa cristiana. Il culto di "Madre Terra", o "Gaia" o "Pachamama", è al centro dell'attuale politica ambientalista globale.
 
L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 22 aprile 2009 "Giornata internazionale della Madre Terra". In quel giorno, il presidente boliviano Evo Morales, autoproclamato adoratore del Pachamama, fece questa dichiarazione all'Assemblea generale delle Nazioni Unite: "La" Pachamama "- La" Madre Terra "Quechua - è una divinità fondamentale della visione del mondo dei Nativi, basata sul totale rispetto per la natura. La terra non ci appartiene, ma noi apparteniamo alla terra. "
 
Il fatto che l'espressione "Madre Terra" o "Pachamama" non sia un nome culturale innocuo ma abbia caratteristiche religiose è dimostrato, ad esempio, da un Manuale per gli insegnanti pubblicato nel 2002 dall'UNESCO sotto il titolo significativo   Manuale per gli insegnanti di Pachamama  [qui]. Tra le altre cose, vi leggiamo ad esempio quanto segue: "Immagina che la Madre Terra assuma una forma fisica e come sarebbe incontrarla. Come sarebbe? Cosa le diresti? Quali sarebbero le tue principali preoccupazioni e domande? Come risponderesti? Dove potresti incontrarla? Pensa a un luogo dove potresti incontrarla. "
 
Come il luogo, ad esempio, dove si potrebbe incontrare la "Madre Terra" o "Pachamama" sotto forma di donne incinte nude scolpite in figure di legno: la cerimonia di preghiera nei Giardini Vaticani il 4 ottobre 2019, Basilica di San Pietro, Via Crucis il 19 ottobre e la chiesa di Santa Maria in Traspontina a Roma.
 
Il vescovo José Luis Azcona, vescovo emerito della prelatura amazzonica di Marajó, ha parlato in modo convincente dell'assurdità e dell'insostenibilità della minimizzazione del culto pachamama da parte del Vaticano [qui]. È un conoscitore delle religioni e dei costumi degli indios amazzonici, ha vissuto in mezzo a loro per più di 30 anni e li ha evangelizzati. In una lettera aperta del 1° novembre 2019, il vescovo José Luis Azcona ha sottolineato che sono soprattutto i "piccoli" nella Chiesa, e quindi i convertiti tra gli indiani amazzonici che vivono intensamente la fede cattolica, ad essere scandalizzati dal culto di il Pachamama in Vaticano. Sono stati turbati e profondamente feriti nel loro sensus fidei cattolico. La seguente dichiarazione del vescovo José Luis Azcona dà la misura dell'orrore: "Ma questo gesto [l'adorazione della Pachamama] costituiva uno scandalo (e non un fatto denunciato dal fariseismo) per milioni di cattolici in tutto il mondo. Sono soprattutto i poveri, i "piccoli", gli ignoranti, i "deboli", che apparentemente possiedono il "sensus fidei" e che sono difesi da Papa Francesco in modo giusto e permanente, che sono stati gravemente colpiti nella loro coscienza disarmata, completamente indifesi contro questa violenza religiosa. Almeno i poveri, i semplici, i "deboli", gli indifesi dell'Amazzonia sono i più colpiti nel profondo del loro cuore da questo colpo di stato idolatrico, che è un attacco alla fede cristiana, contro la convinzione del Chiesa per la quale l'unica regina dell'Amazzonia è la Madonna di Nazareth, la Madre di Dio Creatore e Redentore. Non c'è un'altra madre, nessun Pachamama delle Ande o altrove e nessuna Yemanja [dea madre dei culti afro-brasiliani]! ".
 
Il vescovo José Luis Azcona ha anche parlato dell'impatto devastante che gli atti pubblici del culto pachamama del Vaticano hanno avuto sui fedeli protestanti: "Per i fratelli protestanti e pentecostali, questo scandalo ha avuto un effetto devastante. Inorriditi, hanno assistito a scene di vera idolatria, e con stupore crescente, si sentono sempre più confermati nella loro errata visione che il cattolico è un adoratore di idoli, non di santi, Giuseppe, Maria, ma di veri demoni. Il dialogo ecumenico-interreligioso è stato quindi scosso con conseguenze umanamente irreparabili e gravi complicazioni ecumeniche per coloro che vogliono comprendere il mistero della Chiesa come "sacramento universale della salvezza" (Lumen Gentium)".
 
Il vescovo José Luis Azcona ha giustamente affermato che l'idea e il simbolismo della Madre Terra, "Gaia", e anche quello di "Pachamama", oggi diffuso, non possono essere scissi mentalmente e religiosamente dal fenomeno di molte divinità pagane nella storia: "Ricordiamo le innumerevoli divinità della Madre Terra che hanno preceduto e accompagnato la Pachamama come dea della fertilità in tutte le culture e religioni menzionate nella Bibbia. Nell'Antico Testamento, Astarte (Ashera) è la dea della fertilità, dell'amore sensuale come evocato dalla sua nuda rappresentazione. Nel Nuovo Testamento, Atti 19: 23-40; 20: 1 è l'Artemide di Efeso, "la Grande", la dea della fertilità; è rappresentata con metà del suo corpo ricoperta di seni. Riassume il significato della statua della Madre Terra "Pachamama". È impossibile collocare l'immagine della Madonna di Nazareth, Madre di Dio e della Chiesa, e la statua della Pachamama, dea della fertilità, sullo stesso altare o sulla stessa chiesa. "
 
Il confronto tra il culto della Pachamama in Vaticano e la disputa storica sui riti cinesi è insostenibile alla luce dei fatti. I rituali cinesi prevedevano atti di adorazione dell'immagine di Confucio, una figura storica venerata come un grande eroe nazionale e pensatore della cultura cinese. Si trattava inoltre del culto degli antenati defunti. In entrambi i casi, atti di venerazione come un'inchino o l'atto di accendere candele sono stati eseguiti di fronte ai ritratti di queste figure storiche. Poiché nel XVII e XVIII secolo questi riti erano ancora associati alle credenze superstiziose del confucianesimo come religione, la Chiesa li ha rigorosamente proibiti ad evitare qualsiasi manifestazione di superstizione e idolatria. Nel ventesimo secolo, gli atti di venerazione di Confucio erano di natura puramente civile e avvenivano in luoghi non sacri e non religiosi. Inoltre, le effigi degli antenati erano venerate dai cattolici senza la solita iscrizione "sede dell'anima", come nel caso dei pagani cinesi. Quindi, dopo la scomparsa di ogni apparizione di superstizione e idolatria, la Santa Sede ha autorizzato i riti cinesi nel 1939 con un'Istruzione della Congregazione per la propaganda della fede, alle seguenti condizioni: è consentito solo inchinare la testa di fronte a un'immagine di Confucio esposta in luoghi civili, e se si teme uno scandalo, la giusta intenzione dei cattolici dovrà essere spiegata pubblicamente. Inoltre, il L'istruzione afferma che i cattolici possono fare solo atti onorifici di natura puramente civile e, se necessario, spiegare la loro intenzione, al fine di correggere eventuali interpretazioni errate di tali atti. Lo stesso vale per l'atto di venerazione dei ritratti degli antenati. Inoltre, la Chiesa cattolica ha consentito l'uso esclusivo del nome divino inequivocabile "Signore del cielo", vietando altri nomi cinesi dell'ambigua divinità, come "Paradiso" o "Divinità suprema" o "Imperatore supremo" e questo divieto non è stato abrogato dall'istruzione del 1939.
 
La differenza essenziale tra i riti del culto di Pachamama e i cosiddetti riti cinesi sta nel fatto che la Pachamama è una costruzione di mitologie pagane, vale a dire, è venerata sia come un mito che come conglomerato inanimato e impersonale di materia, come la terra.
 
Chiunque sostenga che il culto di Pachamama sia innocuo e non abbia alcun aspetto religioso, ma solo un aspetto culturale, verrebbe meglio informato da una preghiera alla Pachamama pubblicata nel contesto del Sinodo amazzonico dalla "Fondazione Missio", un organo della Conferenza episcopale italiana, che dice: "Pachamama, buona madre, sii propizia! Sii propizia! Fa che la semente spunti bene, che non le accada nulla di male, che il gelo non la distrugga, che produca buon cibo. Ti chiediamo: dacci tutto. Sii propizia! Sii propizia! "
 
Il culto della Pachamama praticato in Vaticano durante il Sinodo dell'Amazzonia è sia una forma di superstizione idolatrica perché contiene gesti che, nella loro forma originale, implicano il culto della "Madre Terra" come divinità, sia una forma di superstizione non idolatrica. Perché questo culto di Pachamama esprime una credenza nella terra come essere vivente e personale, quindi è un sincretismo che introduce elementi ingannevoli nel culto cristiano, che, alla fine, deve sempre essere diretto al vero Dio.
 
In un articolo del 23 ottobre 2019 per il sito Web di Infocatolica (www.infocatolica.com), P. Nelson Medina, OP, egli stesso missionario nell'Amazzonia colombiana, ha smascherato la frode di un presunto innocente culto di Pachamama, con questa pertinente dichiarazione: "L'immagine [pachamama] portata a Roma non è rappresentativa dell'Amazzonia colombiana e credo che non esista da nessuna parte in Amazzonia. La figura non rappresenta gli "antenati" nella cultura amazzonica. Inoltre, la nostra fede adora o venera la fertilità, la vita o la donna in quanto tale attraverso il culto? Se non sono adorati, perché associare questa adorazione all'altare, su cui è presente il sacrificio unico e universale di Cristo? Non è esattamente una violazione pubblica e scandalosa del Primo Comandamento della Legge di Dio? Portare queste statue in luoghi sacri può solo significare che hanno un significato religioso, diversamente da ciò che sarebbe accaduto se fossero state esposte in una galleria d'arte o in un museo di storia etnica o amazzonica".
 
I funzionari vaticani hanno anche usato St. John Henry Newman a supporto della legittimazione del culto della Pachamama. Tuttavia, questo confronto è inverosimile e impreciso, come affermava in modo convincente P. Nelson Medina, dimostrando che John Henry Newman si riferiva ad azioni o oggetti relativamente neutri in se stessi poi trasformate nel loro significato per l'uso ecclesiale. Le immagini concepite per il Sinodo amazzonico non hanno nulla di questa neutralità: celebrare la "vita" senza adorare Dio, unico Creatore, è semplice paganesimo. E per quanto riguarda gli idoli pagani, che si tratti del vitello d'oro o del denaro dei mercanti del Tempio di Gerusalemme, sono necessari passi decisivi e chiari ... che possono portare al Tevere".
 
Da tempo immemorabile, e anche attraverso l'istruzione del 1939 sui riti cinesi, la Chiesa cattolica, imitando fedelmente il comportamento degli Apostoli, si è, per così dire, scrupolosamente impegnata nelle sue parole e azioni, al fine di evitare persino l'ombra dell'idolatria (idolatria) e della superstizione (supersitio) e non lasciano alcuna apparizione (vedi anche San Tommaso d'Aquino, Summa Theol., IIa IIae, q 93, a.1).
 
Come ha fatto Gianfranco Amato, avvocato e difensore della vita italiano, possiamo sintetizzare quanto segue riguardo al culto del Pachamama in Vaticano (vedi il suo testo in La Verità del 14 novembre 2019):
"Descrivere Pachamama come icona della cultura indigena dell'Amazzonia non significa solo distorcere la realtà, ma anche negare e umiliare la diversità delle vere culture amazzoniche al fine di imporre una visione teologica indigena per imporre obiettivi puramente ideologici e politici.
Il presidente messicano Lopéz Obrador ha celebrato un rito in onore della Pachamama, divinità peruviana, per chiederle il permesso di costruire la linea ferroviaria maya nel sudest del Messico? Hugo Chavez, Nicolás Maduro, Cristina Fernández de Kirchner, Andrés Manuel López Obrador, Evo Morales, Daniel Ortega, sono solo alcuni capi di stato che hanno partecipato ufficialmente ad atti di culto in onore della Madre Terra e che promuovono questa idea di un’unica ideologia indigena. Non si tratta, quindi, solamente di un mero fatto religioso peruviano, ma siamo difronte ad un vero e proprio fatto politico inserito in una precisa agenda politica, che prevede la promozione di un pensiero panteista, costruito a tavolino, in cui l’idea della Pachamama rappresenta la cultura latino-americana in totale contrapposizione con l’eredità culturale ispanica, a cominciare dalla religione cattolica. Curiosamente, però, questa visione panteistica è del tutto estranea alla maggior parte delle culture indigene. Proviene da altre concezioni filosofiche, sia occidentali che orientali, e persino da alcune fonti esoteriche. In realtà non si tratta di una vera e propria cosmovisione panteistica ma di un progetto politico che esclude di fatto il concetto cristiano di un Dio trascendente rispetto alla creazione e pone la dignità della terra sopra la dignità della persona umana. Si sta tentando una rivoluzione copernicana culturale: superare l’antropocentrismo della modernità con un “geocentrismo” ecologico. La terra, anziché l’uomo, al centro del cosmo. Fino al punto che ci tocca ascoltare discorsi in cui si arriva a teorizzare la limitazione dei diritti umani in favore dei “diritti” della terra.
La Pachamama è un inganno teologico per i cristiani. Si tratta, come abbiamo visto, di una divinità pagana inca. Le immagini che la riproducono, da un punto di vista teologico, sono semplicemente degli idoli. Il fatto che un teologo, un pastore, un sacerdote, un vescovo, un cardinale, un Papa o un semplice fedele non abbiano la capacità di riconoscere questo fatto evidentemente innegabile appare davvero inquietante e del tutto incomprensibile. Potremmo dire che siamo difronte ad una nuova eclisse della coscienza, questa volta non nell’ambito del diritto della vita, ma in quello del primo e più importante comandamento: il diritto di Dio. Con l’aggravante che così facendo non si oscura solo la coscienza di un popolo, bensì la coscienza della stessa Chiesa. Alla luce della Rivelazione Divina, contenuta nella Parola di Dio, nella Tradizione della Chiesa e nel Magistero, la questione è molto semplice: fabbricare idoli da adorare è un peccato gravissimo. Prostrarsi difronte agli idoli è idolatria. Fare loro offerte, sacrifici, portarli in trionfo, porli su un trono, incoronarli, bruciare loro incenso, rappresenta un evidente culto idolatrico gravemente immorale. Metterli su altari o all’interno di chiese consacrate per venerarli costituisce una vera e propria profanazione.
La Pachamama è un inganno per quanto riguarda il concetto di tolleranza. La sensibilità dei fedeli appare giustamente ferita quando assiste al desolante spettacolo di idoli che ricevono culto in chiese cattoliche. É un fatto profondamente disdicevole che richiede una ferma condanna. Non si tratta di una mancanza di rispetto o di tolleranza verso le persone che professano un’altra religione. Si rispetta il credo religioso di tutti, ma qui si tratta dell’imposizione di una tolleranza ad un culto idolatrico in templi e luoghi cattolici che vengono profanati dalla presenza di idoli. Questo non è accettabile. Tollerare tutto ciò significa essere complici della profanazione. Per questo il gesto di “idoloclastia” (distruzione degli idoli) che è stato coraggiosamente compiuto nella chiesa romana di Santa Maria in Transpontina, e che ha avuto vasta eco a livello mondiale, rappresenta un’espressione del più nobile senso della fede, e lungi dall’essere oggetto di riprovazione, merita un encomio.
La Pachamama è un inganno dell’inculturazione. Il principio di inculturazione è l’annuncio del Vangelo che riesce ad essere accolto da tutti i popoli di tutte le culture. La stessa dinamica dell’evangelizzazione stabilisce un processo graduale di trasformazione della cultura che accoglie la Parola di Dio, penetrando nel cuore di quella stessa cultura attraverso il mantenimento di ciò che di bene si trova in essa, la purificazione del male che essa contiene, lo sviluppo dinamico della fede che è sempre capace di rinnovare tutto. Senza tener conto del criterio della contrapposizione non si può parlare di inculturazione. È chiaro che l’evangelizzazione implica una necessaria contrapposizione con gli aspetti gravemente immorali delle culture che intende raggiungere, ed esige, ovviamente, la rinuncia all’idolatria."
La storia della Pachamama è un'accurata radiografia dello stato della Chiesa in questo drammatico momento della storia, che ricorda le parole veramente profetiche del professor Joseph Ratzinger nel suo saggio The New Gentiles and the Church, originariamente pubblicato in Rivista Hochland (ottobre 1958). Le strazianti parole di Joseph Ratzinger che seguono possono certamente essere lette come una sorta di commento tempestivo sugli atti di culto di Pachamama avvenuti in Vaticano e persino giustificati da Papa Francesco: "Il paganesimo si erge oggi nella stessa Chiesa, e questo è ciò che caratterizza la Chiesa oggi, così come il nuovo paganesimo: che è un paganesimo nella Chiesa e una Chiesa nel cui cuore vive il paganesimo.
 
Queste parole di fuoco, scaturite dal cuore di monsignor José Luís Azcona, missionario amazzonico e degno successore degli apostoli, rimarranno incise nella storia: "Uno degli aspetti più vergognosi di questo gesto idolatrico [in Vaticano] è stato lo schiacciare la coscienza dei "piccoli" con questo scandalo".
 
Data l'innegabile gravità oggettiva del culto Pachamama in Vaticano, con i suoi evidenti coinvolgimenti pseudo-religiosi e approccio sentimentalista per propagandare la religione globalista della" Madre Terra" si può ancora parlare di sicurezza o ci si rifugia nell'alibi di "Riti cinesi"? Ciò significherebbe difendere l'indifendibile.
 
Al tempo della grande confusione ecclesiale dottrinale e pastorale che ha segnato la crisi ariana del quarto secolo, Sant'Ilario di Poitiers, l'"Atanasio d'Occidente", era convinto che un tale stato non dovesse essere accettato in silenzio né minimizzando la situazione. Le parole citate di seguito sono perfettamente attuali e applicabili allo scandalo del culto della Pachamama in Vaticano: "D'ora in poi, il silenzio non sarà più chiamato moderazione, ma inerzia" (Cost.1)
 
A tutti coloro che oggi nella Chiesa non hanno per nulla minimizzato o accettato in silenzio gli atti di culto della Pachamama in Vaticano, ma hanno alzato voci di ammonimento, devono essere ringraziati e apprezzati,innanzi tutto ai laici, mossi dal loro sensus fidei soprannaturale e con queste azioni hanno espresso il loro vero amore e rispetto per il Papa e la loro madre, la Santa Chiesa cattolica.

18 novembre 2019
+ Atanasio Schneider,
vescovo ausiliare dell'arcidiocesi di Santa Maria d'Astana

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.