Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte riscossacristiana.it 07/05/2014

Autore Andrea Moretti


L’ombra cupa della massoneria e dei deliri mondialisti si proietta su iniziative presentate come umanitarie e diffuse anche nelle scuole, con la benedizione delle Nazioni Unite e l’appoggio del Rotary. Una ragione in più per vigilare attentamente su ciò che viene propinato ai nostri giovani.

Good News Agency (GNA), Agenzia di Buone Notizie. In un mondo d’informazioni sempre più cupe e deprimenti chi non vorrebbe leggere un bollettino di buone notizie?

Devono averlo pensato anche gli ideatori di GNA. Così hanno messo insieme un mensile che circola online.

Le notizie sono tutte rigorosamente d’argomento ambientalista, pacifista, terzomondista e via discorrendo.

L’ultimo numero parla di diritti umani, azioni umanitarie in Africa, lotta alla fame e alle malattie, energia sostenibile, green economy, coesistenza religiosa. Insomma tutto ciò che un umano, moderno figlio consapevole dei suoi tempi considera priorità cosmiche.

Ci sono persino, mescolate nel cocktail, notizie sul Vaticano e la Chiesa. Pare che a Medellin la Chiesa cattolica abbia, finalmente, dato vita alle Scuole di Perdono e Riconciliazione per combattere il fenomeno delle bande giovanili.

Tutto questo florilegio di bene viene offerto anche agli studenti italiani per tramite di un’iniziativa congiunta degli estensori del bollettino e del Rotary Club, una campagna destinata alle scuole superiori. Sono stati ideati anche tredici concorsi scolastici in 6 tra le maggiori città italiane.

Sul sito di GNA (http://www.goodnewsagency.org/it/home.php ) apprendiamo che “La campagna “Portiamo Good News Agency nelle scuole!” ha avuto in Italia il sostegno di molti Rotary Club, che hanno introdotto personalmente questo notiziario in oltre 300 scuole superiori. In sinergia con alcuni Rotary Club sono stati condotti tredici concorsi scolastici in sei città (Cagliari, Genova, Palermo, Roma, Torino, Monza, S. Vito al Tagliamento) sui temi degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio; alcuni di questi concorsi hanno avuto il patrocinio degli Uffici scolastici regionali o provinciali. Inoltre, in sinergia con alcuni Rotary Club italiani, sono state tenute nelle scuole superiori delle conferenze sulle N.U. (Nazioni Unite, N.d.R.) e le loro Agenzie specializzate”.

Ma chi sono i creatori di GNA? Sempre sul loro sito (http://www.goodnewsagency.org/it/home.php) leggiamo  che GNA è  un’attività dell’Associazione culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale.

“Dalla sua costituzione nel 1979 e fino al 2007, l’Associazione ha condotto in Italia le attività di servizio dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale del Lucis Trust – organizzazione educativa senza scopo di lucro associata alle Nazioni Unite, Dipartimento per l’Informazione Pubblica – attività che servono il bene comune con notiziari trimestrali che mettono in risalto il potere della meditazione e l’energia di buona volontà negli avvenimenti mondiali.  Dal 1996, l’Associazione ha intensificato in modo particolare il proprio servizio di volontariato nel campo della formazione dell’opinione pubblica e dei giovani. Il co-fondatore e Presidente dell’Associazione, Sergio Tripi, dall’ottobre 1996 al febbraio 2001 è stato il Rappresentante in Italia dell’Università per la Pace approvata dalle Nazioni Unite, operando nell’ambito accademico italiano come responsabile e referente di entrambe le organizzazioni. In quel periodo sono stati raggiunti significativi accordi accademici con l’Università La Sapienza di Roma e con l’Università di Bari e sono stati svolti seminari sul tema delle Nazioni Unite e dell’Educazione alla Pace”.

Chi fosse interessato a notizie sul Lucis Trust può consultare il suo sito internet (http://www.lucistrust.org/it), dove capirà al volo cosa si cela dietro a tanto umanitarismo e politically correctness: esoterismo dichiarato con tanto di Scuola Arcana, Feste Spirituali, Triangoli e Buona Volontà mondiale. Lucis Trust è una ONG riconosciuta dalle Nazioni Unite.

Sempre dal sito di Lucis Trust apprendiamo che “le attività mondiali del Lucis Trust fondato da Alice Bailey e Foster Bailey, sono dedicate a stabilire giusti rapporti umani. Le attività del Lucis Trust promuovono l’educazione della mente umana a riconoscere e praticare i principi e i valori spirituali sui quali si può fondare una società mondiale stabile e interdipendente”.

Quali mai sarebbero questi valori e principi? In realtà non lo si capisce perché il linguaggio utilizzato è molto sfuggente e utilizza volutamente termini che richiamano le maggiori religioni, in particolare il cristianesimo, ma senza mai farne esplicito riferimento.

“La Buona Volontà Mondiale è un movimento fondato nel 1932 per aiutare a stabilire giusti rapporti umani e risolvere i problemi dell’umanità attraverso il potere costruttivo della buona volontà”.

Sembra di essere precipitati tra le pagine de “Il padrone del mondo” di Robert H. Benson, che immagina il mondo schiacciato dalla religione dell’uomo, dominato da una civiltà unificata che annienta ogni differenza sciogliendola in un calderone mefitico.

Notate bene che siamo partiti da un apparentemente innocuo bollettino di ‘buone notizie’ per arrivare al Nuovo Ordine Mondiale teorizzato da Alice Bailey, l’inglese esoterista, teosofista, occultista vissuta a cavallo del XIX e XX secolo.

La Bailey, che di manipolazione degli individui se ne intendeva, sosteneva che per cambiare una nazione bisognava rivolgersi non agli adulti, ma ai bambini e più piccoli erano meglio era. Ella elaborò, nell’opera  Initiation, Human and Solar (Lucifer Pub. Co., 1922), un documento programmatico in 10 punti presentato alla Camera dei Lord nel Regno Unito che partiva dall’ eliminazione del Dio cristiano e della preghiera dal sistema educativo per proseguire con la progressiva diminuzione dell’autorità genitoriale, la distruzione della famiglia, la presentazione dell’omosessualità come uno stile di vita alternativo, per giungere poi alla creazione di un movimento interreligioso e all’approvazioni di leggi contro la famiglia, la vita e pro-gay.

Perciò la prossima volta che vostro figlio viene a casa annunciando una qualche iniziativa tipo quelle brandite da Good News Agency, spiegategli bene che non è tutto oro quello che luccica.

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.