Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fontesabinopaciolla.com 09/10/2019

Paul Ciarcia, in questo articolo pubblicato su American Thinker, ci parla della mercificazione della vita umana che si riscontra nella procreazione che utilizza la banca del seme e degli ovuli.

La traduzione è a cura di Elisa Brighenti.

La fiorente industria della fertilità tratta la procreazione come un’azienda e gli esseri umani come prodotti.

Il Washington Post ha recentemente presentato la storia di Danielle Rizzo, una donna gay che ha concepito due bambini acquistando lo sperma da un donatore solo per scoprire che quel particolare donatore potrebbe aver trasmesso ai bambini malformazioni di nascita:

I bambini di Rizzo, di età compresa tra 7 e 6 anni, sono stati al centro di uno dei casi giuridici più eticamente complessi nel settore della fertilità dei nostri giorni. Tre anni fa, durante la ricerca di opzioni terapeutiche per i suoi figli, Rizzo afferma di aver fatto una scoperta straordinaria: i ragazzi fanno parte di un cluster di autismo che coinvolge almeno una dozzina di bambini sparsi negli Stati Uniti, in Canada e in Europa, tutti concepiti con lo sperma del stesso donatore. Molti bambini hanno diagnosi secondarie di ADHD, dislessia, disturbi dell’umore, epilessia e altre difficoltà di sviluppo e di apprendimento.

Agli occhi della legge, ogni contratto comporta un’alleanza implicita di buona fede e correttezza. Deve esserci un incontro delle menti tra le parti e il dovuto corrispettivo pagato. Ma i principi transazionali di contratto e consenso che regolano il commercio sono dolorosamente inadatti al regno della famiglia e della procreazione.

Le banche dello sperma hanno permesso a Rizzo di fare acquisti per il suo donatore di sperma. Ha scelto il donatore H898, un fusto alto 185 cm dai capelli biondi, dagli occhi azzurri, con un master, descritto da alcune donne come “hot”. Il donatore non ha segnalato gravi problemi di salute, sebbene Rizzo sostenga che in realtà sia stato diagnosticato con ADHD e abbia ricevuto un’istruzione speciale per bambini con difficoltà di apprendimento.

Tali incidenti si sono verificati in precedenza. Nel 2011, è stato scoperto che un donatore di spermatozoi ha trasmesso una condizione di cuore aortico potenzialmente mortale a 24 piccoli diversi. Nel 2012, un uomo danese ha trasmesso una grave malattia genetica ad almeno cinque figli su un totale di quarantatré bambini che ha schizzato in Europa a madri ignare. Una di queste madri ha dichiarato alla BBC che le banche del seme “guadagnano molti soldi facendo questo. E uno ha la responsabilità di assicurarsi che il prodotto, per così dire, vada bene”.

Il prodotto, per così dire, è in definitiva un essere umano.

Dal punto di vista della legge e della protezione dei consumatori, si può certamente sostenere che le banche dello sperma necessitano di una regolamentazione e di test genetici più rigorosi, ma è più facile dirlo che farlo. Un test completo di un donatore per tutte le malattie genetiche ereditarie non è pratico, né esistono test disponibili per tutte queste condizioni che possono manifestarsi. Allo stato attuale, la legge degli Stati Uniti richiede test solo per le malattie trasmissibili, quindi qualsiasi test genetico è lasciato alle banche dello sperma. Di recente, una banca dello sperma di New York ha affrontato azioni legali per aver venduto deliberatamente lo sperma che non era stato adeguatamente testato per le malattie genetiche, colpendo potenzialmente migliaia di discendenti.

I rischi di difetti genetici sono aggravati dal fatto che i donatori di spermatozoi più popolari possono talvolta generare ben oltre 100 bambini, ognuno dei quali potrebbe non avere idea delle identità dei suoi fratelli.

Anche se fossero possibili test adeguati, dove finirebbero logicamente tali test eliminando i candidati “difettosi”? L’industria della fertilità deve affrontare ripide insidie morali su entrambi i lati della questione. Deve ovviamente trovare un modo per schermare i pericoli dei donatori non testati che trasmettono malattie sessualmente trasmissibili e malattie ereditarie. Allo stesso tempo, lo screening dei candidati per qualsiasi rischio di imperfezione genetica presenta l’inevitabile e sconcertante spinta verso un “bambino designer” geneticamente perfetto (“bambino su misura”, ndr). Più l’industria riesce a soddisfare il cliente e a rendere il processo privo di difetti, più prosegue verso l’eugenetica.

L’industria della fertilità consente alle donne di acquistare lo sperma nel modo in cui acquistano le scarpe. Come il Guardian ha riferito sull’esperienza di una donna australiana che fa acquisti per un donatore di sperma:

Il suo centro di fertilità le ha dato la password di un sito protetto – il catalogo. Conteneva un mix di uomini australiani e americani. “Vai e divertiti,” suggerì l’andrologo. “Invita le tue amiche in giro, bevi un po’ di vino e formaggio e scegli un donatore.”

Le preoccupazioni sulle conseguenze genetiche buone o cattive della donazione di spermatozoi servono solo a evidenziare l’ambiguità morale di base della sottomissione della procreazione umana alla strumentalità del mercato. Come in qualsiasi transazione commerciale, una donna che stipula un contratto e paga denaro alla banca dello sperma ha diritto al beneficio dell’affare. Ma una vita umana non dovrebbe essere trattata come una merce. Può essere considerato solo come un dono, non come parte di una transazione. La vita è sempre fine a se stessa.

Il caso di Rizzo sulla tragedia del cluster autistico e gli altri discussi sopra rivelano come i concetti di frode o rimorso dell’acquirente possano entrare in quello che un tempo era il dominio dell’amore incondizionato e dell’impegno tra uomo e donna, l’atto di creare una famiglia.

La società secolare non ha una risposta adeguata al dilemma morale del business del donatore di sperma perché la logica del contratto e del consenso non solleva obiezioni naturali alla mercificazione della procreazione umana.

Da quando le coppie omosessuali che si chiamano sposati sono state sancite dalla Corte Suprema nel 2015, molti a destra hanno semplicemente sventolato la bandiera bianca sul primato della famiglia biologica e sulla necessità di una madre e di un padre. Il matrimonio è semplicemente il consenso degli adulti che stipulano un contratto. L’inquietante crescita dell’industria dei donatori di sperma è una delle conseguenze di tale ritirata.

La società non può costruire le famiglie con la sola logica del contratto, né portare la vita in questo mondo nel modo in cui compriamo e vendiamo beni. Invece, deve spostare la sua prospettiva dai legalismi moralmente vuoti del consenso e del contratto presi in prestito dal regno degli affari ad una preoccupazione per la dignità intrinseca della persona umana, che viene promossa nella famiglia biologica.

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.