Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

 

Non c'è dubbio che nei cattolici ci sia un sentimento diffuso di sfiducia nella politica. Sto parlando dei cattolici, i fedeli dell'unica Chiesa di Cristo, che nel Simbolo apostolico, cioè il Credo, professano una, santa, cattolica e apostolica , non degli aderenti alla neochiesa che non hanno problemi a votare chi ha introdotto divorzio, aborto, gender ecc.

Scusate ma non è per amore alla polemica, che mi sembra inutile, ma per chiarezza. Ho già scritto per chi, secondo me, non votare.

Poiché sto cercando di farmi un'opinione per decidere se e chi votare ho raccolto un po' di materiale che potrebbe essere utile anche ad altri. Ognuno prima del 4 marzo tirerà le sue conclusioni magari con più consapevolezza.

G.A.C

Rosatellum alla prova del voto: istruzioni per l'uso

 

Chi possono votare i cattolici il 4 marzo? Una riflessione del prof. Massimo Viglione

SUPER EX RIFLETTE SU CHIESA ED ELEZIONI POLITICHE DI MARZO. IPOTIZZA UN EFFETTO BERGOGLIO. E CIOÈ MOLTI VOTI CATTOLICI A DESTRA.

 

4 marzo 2018. Votare? Non votare? E per chi votare? Una lettera di Carla D’Agostino Ungaretti e la risposta del Direttore

 

La democrazia dei creduloni – di Roberto Pecchioli

 

Salvini candida Bagnai. Alzando di qualche tacca “er dibbatttito”

 

PERCHE’ “NON” VOTARE BERLUSCONI

 

4 marzo 2018. Votare? Non votare? E per chi votare? Léon Bertoletti ci ricorda le parole di Giovanni Papini

 

Votare è un dovere non assoluto

 

Mons. Negri: No al voto a chi nega il valore assoluto della persona

 

Le larghe intese sono già nelle liste elettorali

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.