Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Autore Ariel S. Levi di Gualdo

 

Editore: Edizioni L'Isola di Patmos Pagine: 315 € 25,00

La setta neocatecumenale. L'eresia di fece Kiko e venne ad abitare in mezzo a noi. Ediz. multilingue

Fonte isoladipatmos.com 15/09/2019

 

I Neocatecumenali sono una setta di matrice ebraico-protestante che di cattolico ha solo l’involucro esterno svuotato all’interno dei fondamenti del Cattolicesimo. Il riconoscimento amministrativo a loro concesso dal Pontificio Consiglio per i Laici non obbliga affatto vescovi, sacerdoti e fedeli cattolici a una adesione di fede nei riguardi del Cammino Neocatecumenale, che non è certo un dogma, bensì un tumore con metastasi, diffuse all’interno della Chiesa anche e soprattutto a causa della debolezza mostrata dagli ultimi Sommi Pontefici.

Le principali eresie del Cammino Neocatecumenale sono la percezione calvinista dell’Eucaristia e la confusione tra il sacerdozio comune, al quale partecipano tutti i battezzati, ed il sacerdozio ministeriale di Cristo, al quale partecipano solo i ministri in sacris..

Colpendo Sacerdozio ed Eucaristia, strettamente connessi l’uno all’altra, si colpisce la Chiesa al cuore attraverso alcune delle più antiche eresie di ritorno.

.

I Neocatecumenali sono una setta di matrice ebraico-protestante che di cattolico ha solo l’involucro esterno svuotato all’interno dei fondamenti del Cattolicesimo.

.

Il riconoscimento amministrativo a loro concesso dal Pontificio Consiglio per i Laici non obbliga affatto vescovi, sacerdoti e fedeli cattolici a una adesione di fede nei riguardi del Cammino Neocatecumenale, che non è certo un dogma, bensì un tumore con metastasi, diffuse all’interno della Chiesa anche e soprattutto a causa della debolezza mostrata dagli ultimi Sommi Pontefici.

.

Questo libro è costruito su dati oggettivi, l’Autore non si discosta neppure per un istante da quelli che sono gli scritti e le catechesi tenute dai fondatori di questo movimento ereticale, i documenti e gli atti della Santa Sede e quelli dei rispettivi e competenti dicasteri che si sono occupati nel corso degli anni del Cammino Neocatecumenale, non ultimo per quegli abusi liturgici che rasentano non di rado il vero e proprio sacrilegio della Santissima Eucaristia e per i quali, ogni richiamo a loro rivolto nel corso di quattro decenni, si è rivelato di fatto pressoché vano.

.

Indubbiamente l’Autore osa ― davvero “oltre misura“ e con coraggio leonino ― illustrando quelle che sono state le oggettive e gravi imprudenze del Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, oggi canonizzato ed elevato agli onori degli altari, ma non certo per questo perfetto, come perfetti ed esenti da errori non lo sono mai stati tutti i Santi dell’intera storia della Chiesa. E, alla prova provata dei fatti non passibili di facile smentita, il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, concedendo in modo diretto e indiretto accondiscendenza al Cammino Neocatecumenale, ha sbagliato, creando di conseguenza gravi problemi che si sono poi ripercossi sulla Chiesa intera, ponendo vescovi e sacerdoti dinanzi a un fenomeno settario-ereticale difficile da gestire. L’errore maggiore compiuto dal Sommo Pontefice Giovanni Paolo II fu soprattutto quello di concedere a questa setta intra-ecclesiale di aprire seminari per la formazione dei futuri sacerdoti, dando in tal modo a un movimento laicale la possibilità, unica e senza precedenti nella storia della Chiesa, di formare un proprio clero, preposto non ultimo a neocatecumenalizzare intere diocesi e parrocchie [cf. QUI].

.

cliccando QUI è possibile accedere al negozio de L’Isola di Patmos

L’Autore spiega che dinanzi alla verità spiacevole e dolorosa, due sole sono le soluzioni: o tacere, se non si è in grado di esporla, sostenerla e pagarne soprattutto le conseguenze, oppure dire e presentare la verità per quella che è nella realtà. Infatti, dinanzi a certi gravi problemi, addolcire o annacquare la verità, comporta enunciare clamorose menzogne, ed anche nel modo peggiore.

.

L’opera di Ariel S. Levi di Gualdo è dedicata al Servo di Dio Pier Carlo Landucci e al Passionista Enrico Zoffoli, presbiteri romani, che denunciarono per primi alle Autorità Ecclesiastiche le eresie del Cammino Neocatecumenale, nel 1983 e nel 1992. Non furono però ascoltati, perché prima col Sommo Pontefice Paolo VI poi col Sommo Pontefice Giovanni Paolo II era esplosa la grande ubriacatura dei movimenti laicali, nei quali l’uno e l’altro vedevano il futuro della Chiesa, mentre i seminari diocesani e le case di formazione alla vita religiosa erano sempre più vuoti, ed in seguito chiusi in gran numero.

.

Davanti alla odierna realtà dinanzi alla quale si pone la testa sotto la sabbia come gli struzzi, l’Autore domanda: cosa ha prodotto questa grande ubriacatura movimentista? Ce lo spiega con queste parole: «La secolarizzazione del clero e la clericalizzazione del laicato, mentre oggi, sbagliando per l’ennesima volta, ci si accinge a compiere l’ulteriore errore col prossimo Sinodo Panamazzonico, dove si discuterà sulla opportunità di ordinare sacerdoti i viri probati, per sopperire alla mancanza di clero in certe regioni del mondo. Un Sinodo che in sé ha del grottesco, a ben considerare che sarà celebrato a Roma, per l’Amazzonia, sotto la grande regia dei tedeschi, la cui Chiesa nazionale versa ormai da decenni in stato avanzato di protestantizzazione».

.

La grande ubriacatura segnata dalla stagione dei movimenti nati dal para-concilio nella stagione del post-concilio, ha fallito in modo desolante e con danni di non poco conto, ma nessuno ha l’umiltà di ammetterlo, anzi ci stiamo lanciando verso errori ancora peggiori: il Sinodo Panamazzonico, o come scrisse tempo addietro il nostro Autore … il Sinodo Pantedesco [cf. QUI].

.

dall’Isola di Patmos 15 dicembre 2015

Beata Vergine Maria Addolorata

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.