Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Come sanno i frequentatori di San Michele Arcangelo i miei interventi sono molto sporadici perchè penso sia più interessante leggere commenti e saggi di qualificati autori.

Ora però mi corre l'obbligo di intervenire per fare ammenda e rettificare una posizione che può gravemente nuocere alla salute spirituale di chi l'avesse assunta ascoltando una catechesi di don Alessandro Minutella rilanciata da questo sito.

Ho più volte inserito video di catechesi sulla "falsa chiesa" di questo sacerdote certamente coraggioso; tanto coraggioso che alla fine è stato  sospeso a Divinis e cacciato dalla parrocchia per aver difeso l'ortodossia.

Si può essere d'accordo o no sulle sue posizioni ma sono personalmente convinto che sia mosso da un grande amore per Gesù e la Santa Vergine e che combatta contro chi sta cambiando il depositum fidei nella Chiesa.

Molti lo giudicano eccessivo, certamente negli ultimi tempi è andato spesso "sopra le righe", ma in "battaglia" ci sta anche l'uso della spada e non del fioretto.

Ora però don Minutella si è avventurato in affermazioni decisamente eterodosse, secondo lui la Messa una cum  papa Francesco sarebbe invalida. Di conseguenza invita tutti a non partecipare alla Messa e a non ricevere i sacramenti da presbiteri che non rifiutino il papa regnante.

Il 27 luglio ho pubblicato un video in cui don Minutella sosteneva queste tesi e mi risulta sia stato visto da una settantina di persone. Il video è stato rimosso, chi volesse può cercarlo in Radio Domina Nostra su youtube ma in futuro, salvo ripensamenti di don Minutella, non troverà più sue catechesi.

Chiedo scusa per lo "scivolone"; preso dalla foga di mettere in guardia dal "lupo" sono finito sotto il "fuoco amico" dello sconsiderato cacciatore.

La questione è della massima importanza perchè come dice Chiesa e postconcilio "... privare oggi, in questo mondo infernale, i fedeli della Messa tradizionale perché viene celebrata nominando nel Canone il nome del Papa regnante è un azzardo scellerato, che espone la maggior parte dei fedeli al rischio prossimo di non poter vivere in stato di grazia abitualmente, privandoli di tutti i Sacramenti amministrati “una cum”. 

Spero che don Minutella ci ripensi, pregherò per questo, intanto vi invito a prendere visione, se già non lo avete fatto,  dei due articoli già pubblicati che riportano a una corretta posizione sull'argomento:

Don Minutella: interrogativi e perplessità.

IL PROBLEMA DELL’UNA CUM di don Curzio Nitoglia

 

Giorgio A. Crotti

 

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.