Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Santo del Giorno  

   

Fonte controinformazione.info 13/04/2018

Traduzione e sintesi Luciano Lago

LAVROV: prove irrefutabili sull’l’attacco chimico di Douma che è stato una messa in scena organizzata da servizi segreti di una potenza esterna.
La Russia possiede dati indiscutibili sul fatto che l’attacco chimico Douma del 7 aprile in Siria è stato organizzato da servizi speciali di un paese straniero, che non ha nominato ma che ha qualificato come “in prima linea nella campagna russofoba”, ha riferito il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov il 13 aprile.

Inoltre Lavrov ha affermato che Mosca dispone di prove irrefutabili di questo fatto e che le autorità della Russia e della Siria non hanno alcun dubbio che esiste una campagna propagandistica contro entrambi i paesi.

 “La missione dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche [OPCW] è partita in Siria non così rapidamente e senza abbondante entusiasmo, ma sotto la pressione nostra e siriana. Arriverà a Damasco la mattina del 14 aprile “, ha detto Lavrov. “Ci aspettiamo che la missione proceda senza ritardo a Douma, dove gli specialisti russi che hanno visitato questo posto non hanno trovato alcuna conferma dell’uso di armi chimiche”.

Lavrov ha sottolineato che Russia ha “i dati inconfutabili che questo [attacco chimico] è stata una  messa in scena”.
” Risulta che sono stati coinvolti in questo evento organizzato i servizi segreti di un paese, che ora sta cercando di essere nelle prime file della campagna russofoba, “, ha sottolineato Lavrov.

Allo stesso tempo il cancelliere russo ha avvertito circa le forti ripercussioni che avrebbe un intervento militare occidentale in Siria ed ha ricordato che “questo potrebbe provocare l’effetto di nuove ondate di migranti verso l’Europa” oltre a creare il rischio di un confronto militare diretto fra la Russia e l’Occidente.
“Si tratta di effetti che non necessitiamo nè noi nè i nostri vicini europei ma che potrebbero rallegrare coloro che sono protetti da un oceano”, ha affermato Lavrov riferendosi agli Stati Uniti.

Donald Trump a New York

Negli ultimi giorni gli Stati Uniti avevano minacciato di un imminente operazione militare contro la Siria, in risposta ad un presunto attacco con armi chimiche effettuato lo scorso Sabato a Douma, di cui Washington accusa, senza alcuna prova, il Governo siriano. Damasco da parte sua respinge totalmente le accuse e segnala come autori di questo i ribelli appoggiati dall’Occidente.

Di fronte alle minacce di attacco, la Russia e la Siria hanno meso le loro forze armate in massima allerta e Mosca ha avvisato che distruggerà i missili che saranno lanciati contro obiettivi nel paese arabo e si riserva di colpire anche le piattaforme da cui saranno lanciati.

Il 7 aprile, media e militanti filo-militanti hanno accusato il governo siriano di condurre un attacco chimico alla città di Douma . Siria e Russia hanno respinto le richieste. Tuttavia, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno ulteriormente spinto la storia senza alcuna prova tanto da provocare un’escalation su larga scala nella regione.

Fonti:   Hispan Tv

South Front

 

 

   



I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.