Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Santo del Giorno  

   

Fonte maurizioblondet.it 03/02/2018

Autore Maurizio Blondet

Lo ha minacciato   di punto in bianco Ygit Bulut,  uno dei primari consiglieri di fiducia di Erdogan. La ragione della sua furia: l’isoletta  disabitata di Imia, che i turchi chiamano Kardak , e di cui rivendicano il possesso. Ripetendo una minaccia  che fu pronunciata da un altro,  e non gli portò fortuna.

“Atene dovrà subire la furia della Turchia, peggio di quella della nostra offensiva di Afrin. Spezzeremo le gambe e le braccia di ogni funzionario, parlamentare o ministro  che osi mettere piede sull’isola”.  Il motivo è che qualche giorno prima il ministro greco della Difesa, Panos Kammenos, era andato su una nave militare  presso Imla a lanciare una corona in  mare in onore di tre soldati greci caduti durante un precedente scontro per Imla,  nel 1996, che portò i  due paesi NATO all’orlo della guerra.

 

Ygit Bulut, consigliere di Erdogan.

 

Gli isolotti distano 5,5 miglia dall’isola greca di Kalimnos (ex Dodecaneso italiano), e 2,5 miglia dalla costa turca,   vicino alla turca  a Bodrun, che è l’antica Alicarnasso, ellenica.   Ankara e Atene si contestano a vicenda l’estensione delle rispettive acque territoriali da 6 a 12 miglia.

Giusto per ricordare  ciò che profetizzò a diversi visitatori il monaco Paisios dell’Athos,  scomparso nel 1994:

«Quando senti alla televisione che si parlerà della questione delle miglia, dell’estensione delle miglia (della fascia costiera) da 6 a 12, allora sta arrivando subito dopo la guerra”.  “Il governo (greco) prenderà la decisione di non inviare l’esercito.
Terrà l’esercito solo ai confini. E sarà una grande benedizione non prendere parte. Perché, chiunque prenda parte a questa guerra (s’intende europea), è perduto…
– «I Turchi ci colpiranno, ma la Grecia non subirà danni consistenti.
Non passerà molto tempo dopo l’attacco dei Turchi al nostro Paese che i Russi colpiranno i Turchi e li dissolveranno”.

Sembrerebbe che la Grecia sia il solo posto sicuro in cui abitare quando questo avverrà.  I greci avranno fame, ma non la guerra.   Il resto della profezia qui:

 

 

I due scogli di Imia e la loro vicinanza alle coste

(Sui combattimenti turco-curdi in corso in Siria, riporto il Deutsche Wirtschaft NAchrichten)

 

 Siria: la Turchia usa droni-spia sopra le truppe USA
DWN
La Turchia usa i droni spia sulla città siriana di Manbij. Dove ci sono, oltre le milizie kurde, truppe statunitensi e francesi.

Il 2 febbraio 2018, l’ ufficio stampa della forza aerea turca ha riferito che l’aviazione militare turca aveva distrutto sei depositi di armi e bunker di milizie curde PKK / YPG e milizie terroriste dell’ISIS. Dodici membri del PKK / YPG e ISIS sono stati uccisi. Dall’inizio della “Operazione ramo Olive”, 823 membri del PKK / YPG e la milizia terrorista ISIS sono stati uccisi (dal 2 febbraio), ha detto lo stato maggiore.
Il 30 e 31 gennaio, lo Stato maggiore ha pubblicato un elenco e foto con le armi rubate alle milizie kurde e all’ISIS durante l’operazione Olive Branch. Questi includono un cannone antiaereo S-18 (MANPADS), quattro pistole anti-RPG RPG-7, quattro Kalikhnikov, due mitragliatrici PKT, un fucile da cecchino, tre pistole, una miniera antitank, due granate a mano, due binocoli, due radio, quindici Riviste sulle armi e numerose armi leggere, riferisce l’ Hürriyet .
Le milizie kurde sono convinte che “l’Operazione ramo d’ulivo” non si estenderà alla città di Manbij, dove si trovano le truppe francesi e statunitensi. Schiar Gherde, membro anziano del consiglio militare di Manbij, che è dominato dalle milizie curde, ha detto al New York Times che gli americani avevano promesso loro che non avrebbero lasciato entrare  i turchi a Manbij. “Gli americani vengono spesso qui. Sappiamo di poter fare affidamento su di loro perché ce l’hanno promesso “, ha affermato Gherde.

Ma secondo il foglio, i turchi stanno già usando i droni spia su Manbij.

Ibrahim Kalin, portavoce dell’ufficio presidenziale turco, ha ribadito le sue critiche alle vendite di armi statunitensi alle milizie kurde venerdì scorso. L’ISIS è stato ufficialmente quasi sconfitto, ma le consegne di armi alle milizie curde continueranno comunque. Ora non è completamente chiaro quali siano i veri obiettivi perseguiti da Washington in Siria.
Esercito Siriano Libero (FSA)
RFS Media , il corpo dei media dell’esercito siriano libero (FSA), riferisce che la milizia kurda ha attaccato giovedì le zone residenziali di Azaz e Marea a nord di Aleppo con colpi di mortaio e mitragliatrici pesanti. L’attacco ha solo danneggiato la proprietà pubblica. L’artiglieria turca nelle zone rurali di Afrin, a nord di Aleppo, ha risposto all’attacco colpendo posizioni di artiglieria e artiglieria e campi delle milizie kurde.
Inoltre, giovedì sarebbero scoppiati pesanti combattimenti tra la FSA e le milizie curde nel distretto di Bulbul di Afrin. Secondo RFS Media, un numero sconosciuto di milizie kurde e 14 combattenti dell’FSA sono stati uccisi.
Milizie curde
L’agenzia di stampa affiliata al PKK ANF annuncia in un messaggio che giovedì le organizzazioni delle forze democratiche siriane curde (SDF) supportate dagli Stati Uniti arrivate nel villaggio di Zare vicino ad Afrin aveva ucciso 20 soldati turchi e membri dell’esercito libero siriano (FSA). Apparentemente si trattava di un attacco SDF, poiché l’ANF utilizza la parola “Eylem”. Questo si traduce in “azione” e non può essere considerato una battaglia diretta su un terreno aperto o come una lotta di casa. Dall’inizio della “Operazione ramo d’ulivo” si dice che le milizie kurde abbiano ucciso un totale di 473 soldati turchi e milizie alleate (dal 2 febbraio), secondo ANF

   



I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.